Selezione e Qualità Totale

     

MANAGE CONSULTING  INTERNATIONAL

 

 
Total quality in human resources management

 

LETTERA INFORMATIVA N°4

SELEZIONE E QUALITA’ TOTALE

 

2.4 SELEZIONE E “FUGA DEI CERVELLI”

Uno dei soggetti della Qualità Totale applicata alle Risorse Umane è la prevenzione di una fuga di cervelli, ovvero del fatto che i migliori collaboratori lascino l’azienda.

 

“Se fosse solo un problema di trofeo, me ne comprerei uno” (Un atleta)

 

“Sono più le persone competenti che si licenziano di quelle che vengono licenziate” ( Laurence Peters)

 

La percentuale di nascite in diminuzione è già tra le cause di una “guerra dei trasferimenti”. Anche l’insufficiente numero di laureati in determinate discipline costituisce un problema strategico che non può essere ignorato. Spesso infine esiste un problema di scarsità di candidati disponibili non solo per posizioni dirigenziali o comunque elevate, ma anche per posizioni subordinate con limitata autonomia ed indipendenza.

 

 

Lo stadio più remoto in cui il turnover del personale può essere influenzato è proprio durante le procedure di selezione. Ci sono fattori della personalità che hanno influenza sulla lealtà e sullo spirito di gruppo. Alcune persone si disilludono rapidamente e pensano con facilità al fatto che l’erba è più verde nel giardino del vicino.

 

 


Altri candidati cambiano troppo facilmente la decisione che hanno preso. Dopo aver pensato che questo tipo di impiego era quello giusto, alle prime difficoltà cominciano a pensare che sarebbe stato meglio per loro fare qualcos’altro.

 

Un altro problema è l’assertività  della persona: le persone che trovano difficile parlare dei propri problemi e delle proprie frustrazioni preferiscono cercare un altro lavoro invece che esprimere le proprie difficoltà. Le frustrazioni si accumulano fino al punto in cui restare diventa terribilmente doloroso. A quel punto se ne vanno.

 

Un altro fattore interessante è il livello di responsabilità della persona. Dovere o responsabilità è la più alta forma di motivazione. Le persone che hanno un punteggio alto su questo tratto pensano alle conseguenze che le loro azioni poterebbero creare alle altre persone ed all’azienda invece che pensare solo a se stessi.

 

La facilità con cui le persone esprimono dei criticismi è un altro fattore che influenza la lealtà verso l'azienda.


PERCHE’ LE PERSONE SE NE VANNO?

 

Ogni giorno migliaia di persone si licenziano. Ogni giorno migliaia di matrimoni si spezzano. Ogni giorno centinaia di ragazzi se ne vanno di casa. Perché? La risposta può essere trovata nel campo dell’etica. Le relazioni falliscono a causa di uno sbilanciamento tra DARE e AVERE.


“L’esistenza stessa è basata sulla reciprocità….
…E’ lo scambio che mantiene assieme le persone”.
(Aristotele, dall’Etica Nicomachea)

 

In ogni relazione quanto segue deve essere mantenuto bilanciato:

 

 

La sensazione di bilanciamento o sbilanciamento è un problema di percezione. Ha per lo più a che fare con ciò che uno si aspetta.

 


“Dipende tutto dall’attenzione che tu dai alle altre persone”. (Tom Peters)

 

Se non conoscete quello che le persone si aspettano o non date loro nessuna attenzione, in una relazione può venirsi a creare una mancanza di soddisfazione. Le persone che danno di meno di quello che ricevono  si sentono colpevoli e diventano critiche nei confronti di quelli che danno di più.

 

Una ricerca effettuata riguardo a ciò che i manager si aspettano, fornisce i seguenti cinque valori in quest’ordine:

 

1. Soddisfazione sul lavoro
2. Riconoscimenti
3. Premi
4. Uso del proprio talento
5. Sfida

“Non ottenere quello che uno desidera è quasi lo stesso che non ottenere niente” ( Aristotele)

 

TIPI DI PERSONE

 

Le persone possono essere divise tra i GIVERS (quelli che contribuiscono) e i TAKERS (quelli che prendono e basta).

 

Se voi date di più ad una persona che è abituata solo a prendere senza contribuire (un Taker), lui comincia a considerare la cosa come un qualcosa che gli si deve di diritto. Invece quelli che contribuiscono (i Givers) sono quei dipendenti che si danno realmente da fare per far andare bene le cose nell’azienda.

 

I Takers sono anti-produttivi. Il fatto di non dare di più ai Givers, di non fornirgli  più facilitazioni, in base a ciò che viene comunemente chiamato “trattamento uguale di tutti i dipendenti” fa sì che entrambi i gruppi non siano soddisfatti. I Takers sono comunque insoddisfatti e i Givers non si sentono premiati.


“Alcune persone sono"produttrici" altre sono "consumatrici".
La produttività di un gruppo sale nella misura in cui
il numero di "produttori"  all’interno di un gruppo sale
ed il numero di "consumatori" scende”. (Kurt  Hanks)

 

Il fatto di trattare ogni dipendente in maniera uguale è la più grande ingiustizia possibile.

 

La nostra società premia i Takers e penalizza i Givers. Cambiate atteggiamento: premiate i Givers e fate sì che i Takers contribuiscano.

 

La motivazione dei dipendenti diventerà più alta che mai. Portate il dare e l’avere a bilanciarsi nell’azienda e con tutti i dipendenti e tutte le relazioni diventeranno costruttive.

 

NELLA PROSSIMA LETTERA INFORMATIVA ……

PERCHE’ LE PERSONE SE NE VANNO? ALTRI DATI INTERESSANTI

Manage Consulting International, allo scopo di fornire una maggior comprensione degli argomenti trattati in questa lettera informativa, suggerisce i seguenti approfondimenti:

 

Corso sulla Selezione
Coordinazione & coinvolgimento
AST TEST
SST TEST

                                                                   
Customer Relations
MANAGE CONSULTING International

Area risorse Gratuite
vieni a visitare e scaricare le risorse gratuite!
» La società
 
Formatori de Il Sole 24 ore
 
 Ricerca nel sito
 

Iscriviti ad una delle nostre newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle novità di Manageconsulting.it .
E-mail :
Nome :
Iscrizione
Rimozione
Manageconsulting.it | Mappa
Informativa | Manage Consulting International 2000/2017 - Tutti i diritti sono riservati | P.Iva : 03666260280
by Ewebb.it
Utilizziamo i cookie per offrire una migliore esperienza agli utenti del nostro sito. Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie. Ho capito